Archivi categoria: Nootropi

Fenilpiracetam: un potente stimolante cognitivo

 

Phenylpiracetam: un potente nootropo stimolante

Generalmente, chi è un appassionato di nootropi e/o biohacking, avrà certamente molta familiarità con la famiglia dei racetam. I racetam sono un gruppo di farmaci strutturalmente derivati del Piracetam, il primo nootropo ad essere stato scoperto, e che ancora oggi è utilizzato come metro di paragone per tutte le sostanze pro-cognitive.

Gli effetti di queste sostanze mostrano una netta variabilità a causa di piccole differenze nella sua composizione, ma comunque tutti forniscono proprietà neuroprotettrici e di rafforzamento cognitivo.

Continua a leggere

Bacopa monnieri: nootropo ansiolitico naturale

 

Bacopa monnieri nootropo ansiolitico

Bacopa monnieri è una pianta utilizzata da secoli nella medicina tradizionale indiana (Ayurveda). Negli ultimi decenni molte piante ayurvediche sono state rivalutate dalla medicina occidentale e oggi godono di grandi attenzioni, manifestando spesso un’efficacia terapeutica alla pari dei farmaci normalmente impiegati per il trattamento dei disturbi dell’umore e dei deficit cognitivi.
Continua a leggere

Colina: i migliori integratori per la memoria

 

Integratori di colina

La colina è probabilmente uno degli integratori di cui si discute di più nella comunità dei nootropi, per due motivi: il primo è che l’acetilcolina è il primo neurotrasmettitore ad essere stato scoperto, ed oggi sappiamo che ha un ruolo fondamentale nella memoria e nei processi cognitivi; secondo, è ormai noto da tempo che i racetam (la famiglia di nootropi più famosi, di cui fa parte il Piracetam) funzionano in modo molto più efficace se assunti in combinazione ad una fonte di colina.[1]
Continua a leggere

Fonti   [ + ]

Phenibut: l’ansiolitico usato dai cosmonauti sovietici

 

Phenibut nootropo ansiolitico

Nel 1957 l’Unione Sovietica lancia nello spazio il satellite Sputnik 1: nasce così la corsa allo spazio tra l’USSR e gli USA che si sfidano nel tentativo di colonizzare la Luna e gli altri pianeti del sistema solare. Il Phenibut fu così concepito in considerazione delle necessità dei cosmonauti sovietici, che desideravano un agente ansiolitico da utilizzare in caso di crisi o di stress psicofisico e che al tempo stesso non influenzasse le capacità cognitive.
Continua a leggere

Noopept: effetti, dosaggio e controindicazioni

 

Noopept Nootropo

Il Noopept è un composto sintetizzato in Russia nel 1996 come successore del piracetam (il primo nootropo ad esser sviluppato), è tecnicamente un analogo del neuropeptide endogeno cicloprolilglicina, una sostanza naturalmente presente nel cervello.[1] Continua a leggere

Fonti   [ + ]

L-Teanina e Caffeina: due nootropi naturali e complementari

 

Caffeina Teanina nootropi

Caffeina: è praticamente ovunque. Oltre l’alcool, nessun’altra sostanza psicoattiva è così largamente utilizzata nella società. Dalle fonti naturali come tè e caffè, agli integratori e gli energy drink, parliamo di di uno stimolante accessibile, conveniente, ed efficace, oltre che sicuro: è stimato che oltre il 90% della popolazione mondiale ne faccia uso in qualche forma.
Continua a leggere

Noopept intranasale: la mia esperienza

 

Noopept soluzione intranasale

Per molti ingerire ogni giorno delle polveri di cattivo gusto è fastidioso, ma per altri potrebbe diventare una naturale parte della propria routine, o addirittura qualcosa di piacevole (dissolvendo le polveri in un frullato o uno yogurt, per esempio).

In ogni caso, i peptidi hanno difficoltà ad essere assorbiti per via orale a causa dell’effetto first-pass[1][2], una delle prime fasi del metabolismo che distrugge gran parte delle sostanze con un basso livello di biodisponibilità. I peptidi in particolare sono molecole estremamente piccole, e non sono assorbite oralmente ammenoché non abbiano una catena particolarmente lunga (dipeptidi, tripeptidi, tetrapeptidi ecc). Il Noopept è un dipeptide e quindi rientra in quest’ultima categoria, ma a malapena. Continua a leggere

Fonti   [ + ]