Modafinil, la “smart drug” dei millennials: come funziona

 

Modafinil Nootropi
Modafinil cos'è e dove acquistarlo

Il Modafinil, anche noto anche come Provigil, Modalert e Modvigil è un farmaco usato per trattare la narcolessia, la letargia e la stanchezza cronica. Un’intera generazione di studenti e imprenditori, tuttavia, certifica il suo uso come smart drug, ovvero un composto per migliorare l’attenzione, la motivazione, l’apprendimento e la memoria. È un farmaco sotto prescrizione in Italia ma gli equivalenti generici del Modafinil sono facilmente acquistabili su internet.

Cos’è il Modafinil?

Modafinil struttura

Formula del Modafinil

Il Modafinil è un eugeroico, ovvero un agente promotore della veglia; essenzialmente è un composto utilizzato per migliorare lo stato di veglia tra gli individui che soffrono di sonnolenza diurna o letargia. È clinicamente utilizzato nella narcolessia, per il trattamento della sonnolenza causata da apnea notturna, e così via.

Il farmaco aumenta lo stato di veglia, la concentrazione e la memoria di chi lo utilizza, rendendo più facile lo studio, il lavoro e le attività creative, ed in generale tutto ciò che fa ampio uso delle abilità cerebrali.

Il Modafinil agisce in modo vagamente simile alla caffeina (sebbene il meccanismo d’azione sia completamente diverso), ma in modo molto più efficace. Ovviamente il Modafinil non compensa gli effetti nocivi sul fisico che comporta la perdita di sonno nel lungo termine.

Il Modafinil agisce su diverse zone del cervello che svolgono un ruolo fondamentale nei processi cognitivi e dell’attenzione. La durata d’azione del Modafinil è tra le 4 e le 8 ore, a seconda della dose e del modo in cui il corpo processa la sostanza: ad alcuni individui l’effetto dura tre ore e mezza, ad altri quasi metà giornata.

Il Provigil è anche utilizzato off-label per trattare la fatica e la sedazione in una serie di condizioni, tra cui la depressione, il morbo di Parkinson, la distrofia miotonica, la sclerosi multipla e la sonnolenza indotta da oppiacei e antidepressivi.[1][2] [3]

Modafinil come smart drug

modvigil ranking nelle università

Da quanto detto finora, il Modafinil sembra essere un ottimo stimolante e “defaticante” in alcune condizioni mediche. Se state leggendo questo articolo, tuttavia, è probabile che siate interessati ad utilizzarlo come nootropo, ovvero come sostanza per il miglioramento cognitivo.

Un sondaggio online del 2014 del sito per studenti “The Tab”[4], mostra come 1 studente su 5 [5] (su un campione di quasi 2000 studenti del Regno Unito) [6], ha provato o regolarmente assunto del Modafinil per migliorare la qualità delle proprie sessioni di studio.

In cima a tale elenco, l’Università di Oxford, una delle scuole più prestigiose del mondo, con il 26% di Oxoniani che hanno partecipato al sondaggio ad essere consumatori di Modafinil. Un altro interessante rilevamento del sondaggio è che il 9% di coloro che utilizzano Modafinil pensano che ciò equivalga al barare, ma tuttavia continuano ad assumerlo.[7]

Sembra troppo bello per essere vero? Non necessariamente.

Una revisione sistematica di 24 studi realizzata nel 2015[8] concludeva che il Modafinil migliora l’apprendimento — specialmente nelle attività lunghe e complesse —, così come la presa di decisione e la pianificazione, possedendo al contempo un eccellente profilo di sicurezza.[9] Alcuni degli studi esaminati mostravano anche un miglioramento in altre aree cognitive come la flessibilità di pensiero e l’associazione concettuale.

Inoltre la review mostra come il Modafinil migliori le capacità cognitive anche nei giovani in salute, indipendentemente dalla qualità e quantità del sonno. Diversi studi infatti avevano mostrato un miglioramento della cognizione negli individui privati di sonno, così come i narcolettici, ma pochi studi fino a quel momento avevano testato l’effetto nei giovani adulti sani con sonno regolare. Questa review mostra come il Modafinil migliori le capacità cognitive in qualsiasi soggetto ne faccia uso.

Modafinil vs Adderall

adderall compresseUno studio del 2000[10] ha comparato l’efficacia del Modafinil e dell’Adderall (amfetamina) nei soggetti con ADHD. Dai risultati dello studio si evince che entrambe le sostanze sono efficaci, ma i soggetti che avevano utilizzato il Modafinil riportavano molti meno effetti collaterali. Il modafinil inoltre non causa dipendenza o assuefazione.[11]

Il Modafinil ha in realtà battuto l’Adderall in quanto ad efficacia, tuttavia il miglioramento era superiore di pochi punti percentuale, e quindi sono stati ritenuti statisticamente equivalenti.[12] Alla fine dello studio più partecipanti hanno deciso di continuare il trattamento con il Modafinil piuttosto che con l’Adderall.[13]

Modafinil vs Adrafinil

Adrafinil è il farmaco più “vecchio” della famiglia degli -afinil. È un pro-farmaco del Modafinil: quando il fegato metabolizza l’Adrafinil, degli enzimi ne convertono parte di esso in Modafinil, tuttavia l’efficacia di questo processo enzimatico è altamente variabile da persona a persona, a causa delle differenze genetiche tra gli individui.

L’Adrafinil può causare ansia, irritazione della pelle e incremento degli enzimi del fegato con l’uso a lungo termine, oltre ad essere meno efficace del modafinil. È stato abbandonato nella pratica clinica a causa del profilo farmacologico meno desiderabile.

Conversione Adrafinil a Modafinil nel fegato

Modafinil vs Armodafinil

Il Modafinil ha una formula chirale. Quello venduto come Provigil, Modalert e Modvigil, ovvero quello che normalmente chiamiamo “Modafinil” è un racemato, cioè una sostanza formata al 50 e 50 di enantiomero destro e sinistro. L’Armodafinil invece è composto unicamente dall’enantiomero destro.

Ci sono differenze sia soggettive che oggettive nel modo in cui i due farmaci influenzano il cervello. L’enantiomero destro ha una durata d’azione molto più lunga di quello sinistro (il primo ha infatti un half-life di 15 ore rispetto alle 4 del secondo). Il Modafinil è in forma racemica, quindi la durata d’azione è una via di mezzo tra i due enantiomeri, ma generalmente si attesta tra le 4 e le 6 ore.

L’enantiomero destro poi ha anche un effetto unico rispetto a quello sinistro in quanto agisce anche come agonista parziale dei recettori D2[14], anche se questo effetto non sembra fondamentale per l’azione eugeroica del Modafinil.

Enantiomeri del Modafinil

I due enantiomeri del Modafinil, a destra l’Armodafinil

Secondo alcuni l’Armodafinil ha un effetto più “pulito” rispetto al Modafinil, anche se ciò è altamente soggettivo. Quel che è certo è che esso è più attivo per milligrammo: 150 mg di Armodafinil equivalgono infatti a 200 mg di Modafinil.

Acquistare il Modafinil online

Il Modafinil e l’Armodafinil richiedono prescrizione medica in Italia, ed oltretutto il costo in farmacia è molto elevato, motivo per cui negli ultimi anni è aumentata notevolmente la popolarità degli equivalenti generici acquistabili online (come Modalert e Modvigil), che sono diventati i marchi di scelta per milioni di studenti e imprenditori di tutto il mondo.

Acquistare ModafinilUn esempio di shop online di Modafinil senza ricetta è DinoSupplies, l’unico fornitore legittimo e affidabile di Modafinil e Armodafinil che spedisce direttamente dall’Unione Europea (è importante, a tal proposito, selezionare “Shipping Location: Europe” quando si ordina dal sito).

Per acquistare Modafinil in Italia, come già detto, è necessaria una ricetta medica. Nonostante tutto molti appassionati di nootropi, anche italiani, non si curano di ciò e acquistano regolarmente queste sostanze online anche senza ricetta. Ovviamente non ci esprimiamo a favore o meno di questa pratica, ma l’acquisto online di quantità modeste di un farmaco per uso personale non è un reato in Italia.

Come assumerlo

Il Modafinil è uno stimolante, e come tutti gli stimolanti provoca tolleranza (gli effetti si riducono assumendolo ogni giorno). Per questo motivo il Modafinil è generalmente assunto non più di tre volte a settimana. È possibile certamente assumerlo più spesso, ma l’effetto sarà notevolmente inferiore.

La dose di Modafinil per il miglioramento cognitivo è di 200 mg, ma vengono utilizzate dosi anche minori, come 100 mg. La dose massima utilizzabile è di 400 mg, ma è sconsigliato superare i 200 mg al giorno.

Fonti   [ + ]