fbpx

6 libri per crescere e potenziare la tua mente

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 voto/i, media: 5,00)
Loading...

 

Mente
Libri per migliorare la memoria e il cervello

Per una volta non vi parlerò di nootropi, integratori o sostanze psicotrope, ma di libri. Lo so, lo so. Al giorno d’oggi, con l’enorme quantità di contenuti che abbiamo a disposizione gratis sulla rete, chi è che legge ancora i libri? A maggior ragione quando parliamo (come in questo caso) di libri di neuroscienze, psicologia ed auto-aiuto, tutti temi molto cari alla rete.

In base alla mia esperienza personale posso dirvi che sì, i libri ( soprattutto quelli basati su studi e ricerche scientifiche) hanno ancora un importante ruolo nel miglioramento personale. Ecco perché ho deciso di elencarvi sei dei miei libri preferiti in assoluto sulla psicologia, le neuroscienze ed il miglioramento personale.

Auto-aiuto o psicoballe?

Dale Carnegie

Dale Carnegie, uno dei primi autori di libri di self-help

Prima di passare in analisi i vari libri, vorrei affrontare un attimo il controverso tema dei libri di auto-aiuto, o self-help books. Ebbene, il mondo letterario è caratterizzato da due grandi correnti di pensiero: la prima, quella degli appassionati, afferma che i libri di self-help non solo funzionano, ma che possono totalmente cambiare in positivo la vita di una persona, e trovano conferme nella loro tesi citando le proprie esperienza personali e quelle di conoscenti e amici. Il secondo pensiero è quello critico, il quale afferma che i libri di auto-aiuto non servono a nulla, che è impossibile risolvere gravi malattie mentali come la depressione o l’ansia semplicemente leggendo un libro, e che quasi sempre i contenuti non hanno alcuna valenza scientifica e siano semplicemente chiacchiere pseudo-psicologiche.

La mia posizione è una via di mezzo: sebbene abbia letto diversi libri di auto-aiuto, non credo generalmente alla loro efficacia nel lungo termine, ovvero al di fuori del temporaneo boost di autostima che si avverte nel momento in cui li si legge. Tuttavia per una volta voglio andare contro i miei principi e suggerirvi non uno, ma ben due libri di auto-aiuto. Il motivo è semplice: il primo libro, cioè Psicocibernetica di Maxwell Maltz, ha delle solide basi scientifiche – nonostante sia stato scritto nel lontano 1960 – al di fuori dei classici messaggi confortanti e il positive thinking che caratterizzano questa tipologia di libri. Il secondo, ancora più vecchio, e che probabilmente già conoscete (si tratta infatti del famoso libro di Dale Carnegie), non ha basi scientifiche, ma offre tuttavia dei solidi consigli su come gestire le relazioni personali, consigli che sono ancora validi a quasi un secolo dalla pubblicazione.

La lista

La bussola del piacere

Autore: David J. Linden

La bussola del piacereIl primo libro di cui voglio parlarvi è “La bussola del piacere” del neuroscienziato, ricercatore e saggista David J. Linden. Sebbene avessi già una passione per le neuroscienze e la psicofarmacologia, questo è il libro che mi ha portato ad interessarmi a tempo pieno delle sostanze psicotrope e dei loro effetti sul cervello. Il tema fondamentale del libro è come certe sostanze (siano esse droghe, tabacco o alcool) e attività (gioco d’azzardo, cibo spazzatura, videogiochi, e via dicendo) provochino i loro effetti euforici sul cervello, e come si formano le dipendenze.

Il libro cita innumerevoli studi e ricerche scientifiche, tuttavia l’autore è accorto nell’utilizzare un linguaggio semplice, evitando il gergo strettamente scientifico, e il libro risulta molto scorrevole e di facile comprensione anche per il neofita. È inoltre un’ottima infarinatura iniziale per chi vuole capire il funzionamento delle sostanze psicotrope sul cervello. Anche se non siete strettamente interessati alle tematiche affrontate dal libro, consiglio ugualmente di leggerlo in quanto in 210 pagine imparerete tantissimo sul funzionamento del cervello.

L’arte di ricordare tutto

Autore: Joshua Foer

L'arte di ricordare tuttoParliamo adesso di un libro più strettamente collegato al tema del blog, e cioè la memoria. “Moonwalking with Einstein”, la fantastica opera di Joshua Foer, tradotto in Italiano con l’anonimo e poco allettante nome de “L’arte di ricordare tutto”, è un libro che qualunque appassionato del miglioramento cognitivo dovrebbe avere nella propria libreria.

Il libro elenca le principali tecniche mnemoniche con riferimenti storici e scientifici, in aggiunta all’esperienza personale dell’autore. Il libro tuttavia è abbastanza generico e non va preso come un manuale che spieghi passo dopo passo l’uso delle varie tecniche ma come un’introduzione generale alla mnemonica.

L’opera di Foer è tuttavia interessante in quanto percorso completo dalle origini delle tecniche mnemoniche fino ai moderni studi scientifici e le opinioni dei massimi esperti del settore. L’autore spazia tra numerosi campi come la filosofia, la psicologia, la storia e le neuroscienze. Consiglio dunque il libro a chiunque volesse una panoramica generale del miglioramento cognitivo prima di addentrarsi nell’uso specifico delle tecniche mnemoniche e dei nootropi.

Psicocibernetica

Autore: Maxwell Maltz

PsicociberneticaCome affermato in precedenza, questo è uno dei pochi libri di auto-aiuto che non ritengo completa spazzatura e che anzi, chiunque dovrebbe leggere almeno una volta, se non altro perché il libro è stato pubblicato nel 1960 e quindi con un pò di fortuna lo trovate usato a pochi euro su eBay e/o in negozi e bancarelle di libri usati.

Maxwell Maltz era un chirurgo plastico che operò dal dopoguerra fino agli anni 70, fu inoltre uno dei pionieri della chirurgia plastica del viso negli Stati Uniti. L’idea del libro nacque quando Maltz si accorse che una percentuale significativa di pazienti continuava ad avere problemi di autostima dopo la chirurgia, nonostante gli ottimi risultati ottenuti. Maltz iniziò così a studiare la psicologia e la neonata cibernetica nel tentativo di capire come mai queste persone, che avevano adesso un aspetto invidiabile, continuavano ad essere afflitti dai problemi che li avevano portati alla sua clinica in primo luogo. A seguito delle sue ricerche, Maltz elaborò una teoria secondo la quale ogni individuo possiede una propria immagine interiore, la quale esula dall’aspetto fisico esteriore. Fino a quando l’individuo non corregge questa immagine interiore, esso sarà condannato ad essere eternamente infelice, nonostante un aspetto fisico di prim’ordine e il successo finanziario, relazionale e lavorativo.

Sebbene alcuni dei concetti espressi nel libro possano sembrare common sense al giorno d’oggi, è molto difficile per un individuo cambiare la propria immagine interiore, anche quando è a conoscenza del danno che sta provocando alla propria autostima. Maltz offre degli ottimi esercizi e aneddoti per aiutare i lettori a cambiare la propria immagine interna e vivere la vita al massimo delle loro possibilità.

Il potere delle abitudini

Autore: Charles Duhigg

Quest’opera potrebbe essere considerata il seguito ideale al libro di Linden, tuttavia i due libri sono molto diversi. Questo libro non tratta strettamente di dipendenze ma delle abitudini, che non sono necessariamente così estreme come la tossicodipendenza o il gioco d’azzardo, ma che possono essere altrettanto distruttive, e di come esse influenzino la nostra vita e limitino la nostra crescita individuale.

Oltre un milione di copie vendute, più di 60 settimane nella lista dei bestseller del New York Times, in questo libro Duhigg avvia un percorso di scoperta del processo di formazione delle abitudini, sia a livello individuale che collettivo, oltre agli effetti che hanno sulla nostra vita, e sul procedimento corretto per sostituire le cattive abitudini con delle abitudini positive.

Duhigg non offre la formula magica per risolvere tutti i problemi che affliggono un individuo, ma aiuta a capire il meccanismo che ci porta a sviluppare delle abitudini distruttive e una volta compreso diviene più semplice liberarcene.

Pensieri lenti e veloci

Autore: Daniel Kahneman

Pensieri lenti e velociIl capolavoro e bestseller dello psicologo israeliano e Premio Nobel per l’economia Daniel Kahneman. L’autore indaga approfonditamente sul modo in cui gli esseri umani prendono le decisioni. Siamo abituati a considerarci degli esseri razionali, totalmente estranei dalle passioni istintuali e le influenze esterne. Ma è veramente così?

In quest’opera, che contiene un sano mix di aneddoti, studi scientifici e appunti autobiografici, l’autore ci guida in un’affascinante esplorazione del cervello umano tramite i risultati della sue ricerche. Kahneman infatti spiega come la mente sia caratterizzata da due distinti processi di pensiero: uno veloce ed intuitivo, che funziona quando eseguiamo operazioni per così dire “automatiche”, come guidare (sistema 1), ed uno più lento, ma anche più logico e riflessivo, che agisce quando eseguiamo operazioni che richiedono un uso elevato di risorse cognitive, come lo studio e il processo creativo (sistema 2).

Kahneman illustra i nostri errori di valutazione (bias) dovuti all’erroneo utilizzo di un sistema piuttosto che un altro, e di come spesso ci capiti di prendere decisioni importanti come sposarci, avere figli o scegliere un corso di laurea piuttosto che un altro lasciandoci guidare dall’istinto e dalle emozioni del momento invece che dalla razionalità.

Indipendentemente dal fatto che siate studenti, manager d’impresa o disoccupati, leggere questo libro vi aiuterà a prendere delle decisioni più consapevoli ed evitare errori di giudizio che possono influenzare in negativo la vostra vita.

Come trattare gli altri e farseli amici

Autore: Dale Carnegie

Come trattare gli altri e farseli amiciConcludiamo questo articolo con un ultra-classico, il libro che ha reso popolare il concetto di self-help, e sebbene fossero stati pubblicati altri libri di auto-aiuto antecedenti a questo, il libro di Carnegie è il primo ad aver avuto veramente successo. Pubblicato per la prima volta nel 1936, in piena Grande Depressione, uno dei periodi più bui della storia americana, il libro offre dei consigli pratici su come trattare estranei e conoscenti e come fare amicizia con le persone che incontrerete nel vostro percorso di vita. Sebbene il target principale dell’opera fossero gli imprenditori, i trader e l’ambiente del business in generale, i consigli sono universali e possono essere applicati in ogni contesto.

Così come per il libro di Maltz, questo libro lo trovate usato praticamente ovunque, perciò sconsiglio di acquistarlo nuovo a meno che non sia in offerta. Sono state pubblicate decine di edizioni, ma sono tutte essenzialmente uguali.

Esiste tuttavia una riedizione aggiornata con nuovi contenuti (non ad opera di Carnegie ovviamente) chiamata “Come trattare gli altri e farseli amici nell’era digitale“. Questa versione apporta sostanziali modifiche al libro originale aggiornando i racconti e adattandoli all’era di Internet. Non consiglio questa edizione, innanzitutto perchè è già vecchia di una decina di anni, e quindi precede l’avvento dei social network, che oggi dominano le relazioni personali, e secondo perché la versione originale è un classico che non ha bisogno di essere aggiornato ma può essere utilizzato così com’è, in qualsiasi contesto.

Per concludere

Steve Jobs - Walter IsaacsonVorrei menzionare un ultimo libro per così dire bonus, Steve Jobs di Walter Isaacson, ovvero l’autobiografia del carismatico (e purtroppo defunto) fondatore e leader della Apple. Non l’ho inserita nell’articolo in quanto c’entrava poco con il resto dei libri. Il motivo per cui consiglio quest’autobiografia è che, sia che siate degli appassionati, degli hater o semplicemente indifferenti alla Apple, Steve Jobs è una delle figure più importanti del ventunesimo secolo ed è interessante, oltre che motivante, conoscere la sua storia, i suoi aspetti più controversi e i successi e gli insuccessi.

Vorrei infine ricordarvi per l’ennesima (ultima!) volta che non è necessario acquistare ogni libro nuovo, è possibile infatti trovare molti dei libri qui citati su eBay o nei negozi di libri usati. Molti dei libri menzionati infatti sono in vendita già da qualche anno se non addirittura da più di mezzo secolo (come nel caso del libro di Carnegie), quindi li troverete usati molto facilmente. Buona lettura!

Commenta